Startup e creazione di impresa: Diamo forma e sostegno al tuo sogno

Anche la Incista SPA, attraverso la sua divisione informatica IB-Network, dal sito allservices.incista.it, intende dare un concreto contributo alla ripresa economica ed al rilancio della capacità individuale.
Attraverso una doverosa selezione di sostenibilità, la società offre la propria collaborazione ad avviare un’azienda. La propria Azienda.
Per questo è importante saperne di più al riguardo, in queste note sono riassunti i maggiori contenuti necessari per testare l’imprenditore e quali sono le azioni da mettere in campo per creare il business su basi solide.
È chiaro che i risultati di un’impresa, non possono essere ne immediati ne stabili o costanti.
Pertanto convinzione, costanza e rispetto delle regole, darà all’attività ed all’imprenditore sicuramente i risultati perseguiti.
Fare l’imprenditore in estrema sintesi presuppone:

  • Decidere in piena autonomia, sapendo assumere rischi e responsabilità delle proprie azioni;
  • Mantenere aggiornate ai tempi ed alle evoluzioni fiscali delle proprie conoscenze, passioni ed esperienze, confluite nell’attività;
  • La ottimizzazione dei tempi;
  • Saper trovare soluzioni immediate ed efficaci;
  • La volontà di raggiungere redditi sempre superiori, o quantomeno mantenere i risultati raggiunti;
  • Capacità di ricerca ed innovazione per il miglioramento del proprio marchio;
  • La capacità di pianificare e progettare anche sui rami d’impresa;
  • La capacità di organizzare, controllare e valutare il lavoro in tutte le fasi;
  • La capacità di gestire la leadership, ovvero essere il punto di riferimento naturale per tutti i collaboratori;

Sono molte le fasi critiche di un’impresa, ma per un imprenditore costante e convinto; Capace anche di riconoscere i propri errori e di saperli correggere nel minor tempo possibile,  sarà certamente in grado di superare anche la fase iniziale che rappresenta quella più soggetta a cambiamenti anche scomodi che possono incidere anche sulle relazioni sociali personali o familiari, spesso infatti si possono presentare difficoltà quali:

  • Non avere orari e non avere introiti regolari e sicuri;
  • La complessità dell’aggiornamento professionale;
  • Giornate apparentemente infruttifere se non proprio dannose;
  • Espansione drastica del fabbisogno mensile finanziario, impiego del capitale proprio;
  • Gestione dei processi fiscali ma soprattutto burocratici, relativi consulenti;
  • Gestione dei processi tecnici e legali, relativi consulenti.

È impensabile che qualsiasi sia, l’idea od il business vincente; La realizzazione della stessa non preveda che l’imprenditore sia affiancato da un team di persone giuste iscritte nei relativi Albi Professionali quali;

  • Notaio;
  • Avvocato;
  • Commercialista;
  • Consulente del Lavoro;
  • Medico del Lavoro;
  • Responsabile della sicurezza;
  • Responsabile dell’Igiene ed Ambientale;
  • Altri specifici Albi specifici per il tipo di attività quali l’Agronomo per le imprese boschive.

Spesso gli imprenditori incorrono in errori prevedibili, conoscerli aiuta ad evitarli:

  • Non avere alcuna motivazione se non la disponibilità del danaro;
  • Coprire i risultati negativi, giustificarli semplicemente con i risultati ottenuti;
  • Pianificare e non verificare i risultati raggiunti nel breve periodo;
  • Pretendere di non dover gestire il rischio;
  • Evitare di definire ruoli e regole per i collaboratori Professionisti compresi;
  • Impegnare settori poco conosciuti fidando solo delle collaborazioni;
  • Evitare la ricerca di mercato o peggio fidarsi solo dei risultati di Internet;
  • Comporre un piano finanziario debole e non aggiornato secondo i risultati raggiunti a breve;
  • Non selezionare clienti, fornitori, Professionisti;
  • Utilizzare risorse umane od informatiche obsolete o non supportate da aggiornamento professionale oppure software originale.

Con queste note quindi intendiamo far conoscere in concreto e soprattutto sinteticamente quale è, il lavoro dell’imprenditore, la posta in gioco è molto alta, speriamo quindi di poter aiutare a valutare con piena consapevolezza se fare l’imprenditore è una scelta di vita professionale che può interessare o meno.
Un passo importante come quello di fare impresa, alla luce delle nuove regole civili sulla crisi aziendale, oppure fiscali o valutarie, come la limitazione della circolazione del contante, richiede che si abbia una concreta consapevolezza della tematica imprenditoriale, altrimenti si rischia di realizzare un piano di attività non conforme alle regole se non proprio alle necessità.
Creata l’impresa ed i prodotti bisogna pensare anche alla Promozione
Che rappresenta l’insieme di attività volte a pubblicizzare e far conoscere al mercato un’azienda il suo marchio un suo determinato prodotto o servizio.
Infatti il nostro affiancamento riguarda anche la realizzazione di una comunicazione efficace e necessaria, è importante quindi seguire alcune sequenze, per ottenere i risultati conformi alla crescita dell’impresa o dei suoi prodotti. In definitiva:

  • Definire il soggetto della promozione;
  • Definire gli obiettivi della promozione;
  • Creare il messaggio tenuto conto del mezzo di comunicazione, Radio TV Internet ed altri;
  • Scegliere i canali di comunicazione;
  • Valutare l’efficacia della comunicazione a breve, correggere eventuali criticità;
    Verificare costi benefici.

Nella fase di vendita e distribuzione dei prodotti o servizi sul mercato, la decisione più importante da assumere è stabilire se:

  • Vendere e distribuire i prodotti senza partner o promoter;
  • Servirsi della rete di vendita tra intermediari, concessionari o rappresentanti;

Le scelte di vendita e distribuzione di un’impresa sono condizionate dalle caratteristiche dei prodotti e dei servizi da distribuire e dalle disponibilità finanziarie dell’impresa.

Per vendere i prodotti bisogna considerare anche la distribuzione, ossia l’insieme di attività necessarie a far giungere un determinato prodotto o servizio al consumatore finale, inclusi i passaggi intermedi.

Una regola comunemente osservata è quella per cui, se il mercato è grande, è necessario ricorrere agli intermediari od ad una rete efficace e motivata di vendita.

Viceversa, se il mercato è ridotto, si può operare anche senza intermediari, gestendo in modo autonomo la distribuzione dei prodotti o dei servizi.

Gli aspetti che bisogna considerare per favorire la scelta giusta sono:

  • Occuparsi della distribuzione in maniera diretta permette di controllare costantemente il livello di qualità del servizio e di mantenere un rapporto diretto con i clienti;
  • il ricorso ad intermediari implica un costo, bisogna riconoscere una perdita per ogni prodotto o servizio ceduto e consegnato;
  • rivolgersi ad intermediari affermati e conosciuti può essere un buon modo per distribuire prodotti o servizi soprattutto se si hanno poche risorse da investire;

Prima di rivolgersi ad intermediari o creare costose reti di vendita bisogna necessariamente verificare che il prodotto o servizio non possa essere distribuito e ceduto via internet, tramite un tradizionale e consolidato e-commerce.

Per maggiori informazioni, consultare i seguenti siti internet:
Confimpresa. Impresa in un giorno
Ovviamente come anticipato nelle note, tutti i fruitori dei servizi social e gli utenti del sito, possono usufruire della consulenza totalmente gratuita via internet per tutti i servizi che non comportano spese per burocrazia o della Pubblica Amministrazione.
In risposta quindi, agli effetti negativi della pandemia da COVID-19 sulla nostra economia, è possibile chiedere gratuitamente qualsiasi tipo di assistenza via internet, semplicemente  utilizzando la form che segue.

Lascia un commento

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

Copyright © All Rights Reserved. Incista Spa by IB-Network! SA | Web EngineeringP.Iva 0052207.065.5
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: